Condividi su

CICLOVIA DELLA DRAVA a cura di Paolo Saccani e Lorenza D’Alessandro

Dobbiaco Venezia

Siamo due soci Ciclodi Fiab dal 2009, collaboriamo e partecipiamo attivamente alle attività dell’associazione e allo stesso tempo coltiviamo la nostra passione per la mobilità dolce, come tanti altri, organizzando in proprio ciclo vacanze. Nel luglio 2010 abbiamo percorso la ciclovia del Danubio da Passau (Germania) a Vienna (Austria) e parziale ritorno a Passau. Nell’agosto 2013 abbiamo scelto la ciclovia del fiume Drava da Dobbiaco (Italia) a Maribor (Slovenia) … e non solo. Per agosto 2014 è nelle intenzioni partire da Lodi e arrivare in Salento (San Cassiano).

Cosa ci spinge alla vacanza in bicicletta? Il senso di libertà, il contatto con la natura e con la gente, la salubrità, l’avventura, le piccole e grandi sfide date dagli imprevisti e non, la possibilità di misurare la propria capacità di adattamento alle più svariate situazioni, la possibilità di consolidare le propria autonomia organizzativa, la possibilità di percorrere strade in compagnia o in totale silenzio, silenzio nel quale ognuno può ritrovare un dialogo attento e consapevole con sé stesso e … per finire la possibilità di raccontarsi.

Dopo l’esperienza “Danubio” e la conseguente esaltazione, abbiamo individuato la “Drava” come la nostra seconda possibile conquista. Un breve excursus su Internet ci ha subito fornito la dimensione del percorso. Dobbiaco-Maribor 375 km … troppo poco per 15 giorni di vacanza. Si decide subito di allungare e quindi optiamo per un proseguimento fino a Venezia attraversando la Slovenia e passando anche dalla capitale Ljubljana (820 km). Per la progettazione abbiamo usato internet, una guida di Ediciclo e l’esperienza di altri ciclonauti presenti in Ciclodi.

Nessun problema fino a Maribor … da lì il buio anzi le Statali, l’unica certezza nel bene e nel male … altra incognita: quante saranno le salite? Il tracciato indicativo da percorrere è in mezzo alle montagne. Decidiamo di andare all’avventura … sia quel che sia! Partenza fissata per il 9 Agosto, ultimo giorno utile per il rientro a Lodi 25 Agosto

Per conferire un tocco di efficientismo si passa alla fase operativa:

1. Acquisto biglietto treno Lodi-Dobbiaco

2. Prenotazione del primo e secondo pernottamento (volevamo prenotarli tutti, ma dopo il secondo ci siamo accorti che sarebbe venuto meno lo spirito di avventura).

3. Briefing sullo stato delle bici: si acquistano nuove borse della Ortlieb, si sostituiscono i copertoni, messa a punto freni e luci.

4. Fissato il budget di spesa … 60€ al giorno "all inclusive" (una inderogabile sfida)

FINE DELLA PROGRAMMAZIONE

Invalid Displayed Gallery