Cicloturismo di area vasta, Ciclovia Verona – Firenze, Anello del Garda, Vento e non solo, l’importanza delle Cabine di Regia regionali

Posted by ciclodi, With 0 Comments, Category: Comunicato stampa,
Condividi su

Verona – festival della bicicletta – 6 – 14 maggio 2017

Conferenza nazionale sul tema:

Cicloturismo di area vasta, Ciclovia Verona – Firenze, Anello del Garda, Vento e non solo, l’importanza delle Cabine di Regia regionali

Sabato 13 maggio 2017 – Polo Zanotto, aula T1 viale dell’Università – Verona

Crediti professionali chiesti per architetti

Come riporta la rivista BC di Fiab al numero 6 – 2016 l’Unione Europea ha stimato che ogni anno la mobilità ciclistica nei 28 paesi dell’Unione Europea vale benefici economici pari a 513 milioni di euro per salute, qualità del tempo, spese connesse e cicloturismo come evidenziato dal rapporto EU CYCLING ECONOMY presentato a Bruxelles e realizzato da ECF.

La recente legge di stabilità ha assegnato alle Ciclovie turistiche 13 milioni di euro per il 2017, 30 per il 2018 e 40 ogni anno dal 2019 al 20124; la legge di stabilità precedente aveva assegnato 91 milioni per il triennio 2016 – 2018.

Le Provincie di Trento e Bolzano da tempo hanno strutturato una vasta rete di percorsi ciclabili nelle valli che valorizza il turismo generando importanti ricadute economiche; le Regioni Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna hanno pianificato sistemi di percorsi cicloturistici a rete.

Affinché un percorso cicloturistico di area vasta abbia successo e risulti “pieno di ciclisti” ci deve essere una buona infrastruttura sicura, un territorio al contorno ricco di attrazioni turistiche e possibilmente deve connettere grossi centri abitati o importanti località turistiche. Se questi elementi sviluppati con una buona governance e accompagnati da un buon marketing territoriale garantiranno una significativa presenza di ciclisti allora anche gli operatori economici privati investiranno per infrastrutture di ristorazione, accoglienza ed altri servizi come noleggio bici, trasporto bagagli o transfert.

Coordinare e promuovere la mobilità ciclistica di area vasta richiede visione, strategie e strumenti operativi che vengono approfonditi all’interno del corso di Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale per una nuova figura professionale Esperto Promotore Mobilità Ciclistica dell’Università di Verona, Dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e Movimento.

Il 12 novembre scorso a Peschiera del Garda circa 30 diplomati al “Corso promotore della mobilità ciclistica” dell’Università di Verona si sono incontrati per programmare il loro futuro in una giornata seminariale di auto –formazione dal titolo “Promotori mobilità ciclistica e mercato del lavoro; ambiti di remunerazione e di volontariato”. Al termine della giornata è stato stilato un documento finale di sintesi nel quale chiedono alle istituzioni Comuni, Provincie, Regioni, Parlamento, Governo e loro rappresentanti di:

  • sviluppare una visone di mobilità ciclistica di lungo periodo strutturata ed organica attraverso uffici nazionale, regionali e locali per la mobilità ciclistica con funzione di cabine di regia;
  • organizzare una comunicazione efficace ai cittadini e decisori che illustri i vantaggi dell’uso della bicicletta;
  • avviare una campagna di formazione per decisori, politici e tecnici sulle potenzialità della mobilità ciclistica urbana e territoriale;
  • valorizzare occasioni di lavoro per Esperti Promotori della mobilità ciclistica in qualità di soggetto capace di fare sinergie tra competenze ed esperienze differenti;
  • supportare il Corso Promotore Mobilità Ciclistica dell’Università di Verona promuovendo la partecipazione di decisori e portatori di interesse mediante divulgazione e sostegno economico.

Per evidenziare quanto sopra ed avviare la sensibilizzazione di decisori, politici e tecnici sul tema della mobilità ciclistica di area vasta si è ritenuto, all’interno del Festival della bicicletta coinvolgere il Ministro delle infrastrutture e le Regioni in un ragionamento strategico per avviare Uffici Regionali per la Mobilità Ciclistica che svolgano la funzione di Cabina di Regia per le azioni di coordinamento, animazione e promozione dei territori.

Programma inizio ore 9,30

Saluti ed inquadramento del tema 2 da 10 minuti

Rappresentante Comune di Verona - il Festival della Bicicletta

Corrado Marastoni – Presidente FIAB – Verona ed Esperto promotore della Mobilità ciclistica; moderatore

Interventi

LA FORMAZIONE INTEGRATA PER RENDERE LA MOBILITà CICLISTICA OCCASIONE DI MIGLIORAMENTO DELL’ATTIVITA’ MOTORIA E DELLA SALUTE

Federico Schena – Presidente Collegio didattico di Scienze Motorie e Direttore del Corso “Esperto Promotore Mobilità Ciclistica” dell’Università di Verona 20 min

RIEMPIRE UN PERCORSO DI CICLISTI – UN METODO DI VALUTAZIONE PRELIMINARE

Marco Passigato – Docente al Corso “Esperto Promotore Mobilità Ciclistica” dell’Università di Verona 20 min

Testimonianze di due “promotori” 10 + 10 min

il cicloturismo un'opportunità per creare lavoro, imprenditoria giovanile e promuovere il territorio

Fabio Boeti - Esperto promotore della Mobilità ciclistica e fondatore di Bike Experience - ciclo escursioni

Promotori mobilità ciclistica e mercato del lavoro – verso un osservatorio

Chiara Frattin - Esperto promotore della Mobilità ciclistica

Proposte per il territorio   2 da 10 minuti

iL SISTEMA CICLOTURISTICO NELLE REGIONI DEL NORD- EST

Antonio Dalla Venezia – Coordinatore Nazionale Area Cicloturismo FIAB

La ciclovia “Torino-Trieste delle citta”

Michele Cremonesi – Coordinamento FIAB Regione Lombardia

Tavola Rotonda con Regioni e Ministero   60 minuti

invitati

Graziano Delrio, Ministro alle Infrastrutture

Elisa De Berti, Assessore ai Lavori pubblici, infrastrutture e trasporti della Regione Veneto

Mauro Parolini, Assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia

Mauro Gilmozzi, Assessore alle Infrastrutture e all'ambiente della Provincia autonoma di Trento

Raffaele Donini, Assessore i trasporti, reti infrastrutture materiali e immateriali, programmazione territoriale e agenda digitale della Regione Emilia Romagna

Paolo Gandolfi, Coordinatore Intergruppo Parlamentare Amici della Bicicletta

Coordina – Giulietta Pagliaccio – Presidente Nazionale FIAB

Dibattito con il pubblico in sala